Effetto Libra Coin: Trump prende posizione sulle criptocurrency - Blockchain 4innovation
FacebookTwitterLinkedIn

Effetto Libra Coin: Trump prende posizione sulle criptocurrency

Mauro Bellini

Se i promotori di Libra Coin che hanno dato vita a Libra Association si sono posti l’obiettivo di portare il tema dello sviluppo di una cryptocurrency all’attenzione della politica e delle istituzioni si può ben dire che ci sono riusciti. Come Blockchain4Innovation e come PagamentiDigitali.it abbiamo cercato e stiamo cercando di seguire le reazioni delle banche centrali e delle istituzioni finanziarie mondiali (da leggere in proposito i servizi  Rischi e vantaggi di Libra e dei facebook coinLe aspirazioni da valuta globale di Libra e soprattutto la approfondita e puntuale analisi di Roberto Garavaglia Libra coin: l’esercizio del dubbio e dell’immaginazione ). Non si può non portare l’attenzione su una delle reazioni mediaticamente più importanti e di maggiore impatto, vale a dire quella del presidente americano Trump, che con i suoi tweet ha espresso “chiaro e tondo” il suo pensiero sia su Libra, sia, cogliendo l’occasione, sul tema delle cryptocurrency.

I tweet parlano molto chiaro e di fatto dichiara tutto il suo “committment” sul ruolo e sul valore del dollaro, che da più di cinquant’anni svolge di fatto il ruolo di “moneta globale”. Il presidente americano dichiara espressamente di avere tempo da dedicare solo a una valuta: il Dollaro.

Per Libra Coin un richiamo al ruolo dei regolatori

A parte le citazioni legate ai possibili utilizzi delle cryptocurrency, legittimi ma che ahinoi possono valere anche per altre monete o asset di valore, il tema posto da Trump è quello dei regolatori, ovvero del fatto che chiunque abbia intenzione di utilizzare le nuove tecnologie per creare nuovi servizi o per “diversificare” le proprie attività e diventare (anche) una banca deve farlo nel rispetto delle regole. Regole, aggiungiamo sempre noi, che in molti casi devono essere scritte e ancora una volta il dibattito sollevato da Libra Association a livello di banche Centrali e mondo politico sta aiutando a mettere in moto.

Interessante poi leggere l’interpretazione del pensiero e dei tweet di Trump che arriva da Bloomberg. Il sito del settimanale economico americano nel servizio Trump Has a Favorite Currency, and It’s Not Bitcoin parla di “novità” rispetto a una fase in cui gli osservatori finanziari tendevano ad attribuire alla Casa Bianca e in particolare ad alcuni consulenti della prima ora un atteggiamento positivo nei confronti delle cryptocurrency.

I tweet ispirati anche dalle prospettive dei Libra Coin

I am not a fan of Bitcoin and other Cryptocurrencies, which are not money, and whose value is highly volatile and based on thin air. Unregulated Crypto Assets can facilitate unlawful behavior, including drug trade and other illegal activity….

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) July 12, 2019

 

Donald J. Trump

@realDonaldTrump

I am not a fan of Bitcoin and other Cryptocurrencies, which are not money, and whose value is highly volatile and based on thin air. Unregulated Crypto Assets can facilitate unlawful behavior, including drug trade and other illegal activity….

Donald J. Trump

@realDonaldTrump

….Similarly, Facebook Libra’s “virtual currency” will have little standing or dependability. If Facebook and other companies want to become a bank, they must seek a new Banking Charter and become subject to all Banking Regulations, just like other Banks, both National…

FacebookTwitterLinkedIn
White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi