FacebookTwitterLinkedIn

Cosa può fare Libra per gli Unbanked

Andrea Bianconi

Con questo articolo di Andrea Bianconi intendiamo proseguire con l’analisi delle opportunità e delle implicazioni del progetto Libra. In un precedents articolo Bianconi ha affrontato la questione dell’inclusione finanziaria, del decentramento e delle probabili implicazioni geopolitiche dell’uso del fondo di riserva di Libra nonché le implicazioni per i token di sicurezza.

Libra davanti al problema “unbanked”

Gli unbanked sono “unbanked” a causa dei regolamenti. La conformità alle norme di AML (Anti Money Laundering) e KYC (Know Your Customer) è così onerosa e costosa che spinge i poveri fuori dal settore finanziario legacy. Una moneta regolamentata e centralizzata come Libra non è sufficiente per raggiungere l’inclusione finanziaria: ridurrà effettivamente i costi di transazione rispetto al sistema bancario tradizionale, raggiungendo un livello più elevato di inclusione finanziaria, ma non potrà risolvere il problema di conformità normativa che è alla base dell’esclusione finanziaria se questi ostacoli per l’ingresso nel sistema finanziario legacy non vengono ammorbiditi.

Ciò può essere risolto unicamente attraverso la costruzione di un sistema finanziario parallelo alternativo che è decentralizzato e che non deve rispettare la burocrazia e le normative del sistema finanziario legacy. Ma Libra non sarà mai autorizzata a svolgere un ruolo simile da parte dei regolatori e non è nemmeno lontanamente nel loro interesse. Pertanto, la “vera inclusione finanziaria” rimarrà una prerogativa di Bitcoin e di altre criptovalute sulla privacy completamente decentralizzate. Libra può limitarsi a contribuire positivamente ad essa riducendo i costi bancari.

 

Decentralizzazione? Cosa puó fare per gli unbanked

Non è possibile avviare un progetto completamente decentralizzato di fronte al ruolo guida assunto da Facebook e ad un’Associazione composta da 100 o più potenti entità aziendali, con partner commerciali come VISA, Mastercard, Paypal, Uber, ecc.

Libra può ottenere una buona distribuzione con i suoi nodi, ma rimarrà una valuta digitale aziendale controllata a livello centrale. Potrebbe ottenere rapidamente una trazione, funzionare bene come valuta digitale e diventare un mezzo di pagamento di successo, ma non sarà diverso dal sistema bancario tradizionale per quanto riguarda la censura, la mancanza di privacy e l’inclusione finanziaria limitata. Ma può essere un grande successo commerciale per Facebook & Co. se lo giocano in modo intelligente con i governi e le autorità di regolamentazione.

 

IL fondo di riserva serve agli unbanked

Dal momento che detenere fondi fiat in contanti in un conto bancario finirà per non produrre nulla o costare un po’ perché la maggior parte delle valute fiat – in Giappone, Svizzera, area dell’euro, Svezia, Danimarca – ha tassi negativi, i fondi dovranno essere investiti in quei pochi titoli di stato che hanno ancora un rendimento positivo. E con oltre 13 trilioni di dollari statunitensi in territorio negativo, ciò lascia solo poche possibilità di investimento. Per garantire un’elevata liquidità e un rendimento di circa il 2%, rimane una sola opzione: US Treasury.

Il presupposto è che gli utenti del portafoglio Calibra possono impegnare qualsiasi importo da 176 miliardi a 2,05 trilioni di dollari al fondo di riserva Libra in base ai tassi di adozione del portafoglio e alle spese mensili medie. L’attuale offerta annuale di titoli del Tesoro USA è di circa 1 trilione di dollari. Libra potrebbe quindi soddisfare qualsiasi cosa, da un basso 17%, fino a quasi il doppio dell’offerta di debito annuale totale da parte del governo degli Stati Uniti. Questo può diventare uno strumento geopolitico molto potente per il governo degli Stati Uniti, un’opportunità che non possono perdere.

Quando gran parte del mondo è alla ricerca di alternative ai dollari statunitensi come valuta commerciale globale, una valuta digitale globale aziendale potrebbe essere utilizzata di nascosto per favorire interessi geopolitici statunitensi in quegli stessi paesi che stanno cercando di sfuggirli, come in Cina, Russia, UE, Iran, Venezuela, Siria, Turchia ecc.

Un affare reciprocamente conveniente sia per il governo degli Stati Uniti che per Facebook e Co. Il governo degli Stati Uniti può fornire a Facebook & Co. il supporto necessario per facilitare gli ostacoli normativi e portare a compimento il progetto. In cambio otterrà un controllo indiretto sull’uso di Libra per vantaggi geopolitici e per favorire la colonizzazione finanziaria del resto del mondo. La riserva sarà investita principalmente in titoli del Tesoro USA e ciò contribuirà a perpetuare l’egemonia finanziaria americana.

 

Security token e unbanked

L’opportunità di mediare investimenti in criptovalute tramite il portafoglio Calibra è un’altra area in cui Libra potrebbe sfruttare il suo portafoglio utenti. Ciò potrebbe generare un enorme mercato per gli emittenti di token in tutto il mondo. E non solo.

Al fine di favorire l’adozione dei token di sicurezza, una serie di fattori esterni devono svolgere un ruolo fondamentale come liquidità e market makers, regolamentazione regolare, programmabilità della catena e interoperabilità catena su catena. Un altro aspetto chiave è la creazione di un’infrastruttura di rete per token di sicurezza e persino scambi decentralizzati.

Libra può rapidamente ridimensionarsi per diventare la più grande infrastruttura di rete di token di sicurezza sfruttando i 4,9 miliardi di potenziali utenti di portafogli Facebook e lanciando titoli digitali a livello globale attirando pool di fornitori di liquidità, investitori e imprenditori.

 

Permissionless e unbanked

Il protocollo Bitcoin è stato progettato per essere decentralizzato, aperto, senza confini, permissionless, senza punto centrale di attacco, resistente alla censura e veramente resiliente. Contrariamente al carattere rivoluzionario di Bitcoin, pronto a combattere dalla nascita, se Facebook & Co. non coopereranno, i governi la vieteranno. Nel caso di un accordo reciprocamente conveniente, allora i governi approveranno la valuta digitale e ciò potrebbe creare una sorta di superstato che coniuga il forte interesse delle società e dei governi. Un potere altamente corruttivo che avrà una forte influenza sui governi di tutto il mondo, già piuttosto evidente con la globalizzazione.

Se centrali globali come Facebook o Amazon – che già detengono la maggior parte dei dati personali – ottengono il controllo anche delle finanze, le abitudini di spesa e i soldi, finiranno per controllare oltre misura la vita di tutti.  In questo scenario, l’ultimo stand rimane Bitcoin e altri progetti di privacy completamente decentralizzati che si frappongono tra valute statali e valute aziendali future come Libra.

FacebookTwitterLinkedIn
White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi