FacebookTwitterLinkedIn

Portogallo: la negoziazione critpo esente da imposte

Redazione

C’è un’altra bandiera che si prepara sventolare nel cielo della blockchain. E c’è un altro paese che sta guardando con crescente attenzione alle opportunità collegate alle criptocurrency. Abbiamo visto in tanti articoli il ruolo della Svizzera e di Malta, di UK e della Francia, dell’Estonia e di paesi come San MarinoLichtenstein. Per ragioni in realtà diverse da quelle di questi paesi che hanno prese l’iniziativa per creare un framework normativo più favorevole o meglio più appropriato emerge anche il ruolo del Portogallo dove le autorità fiscali hanno confermato che le attività collegate alle transazioni in cryptocurrency così come i pagamenti effettuati con critpovalute sono esentati dal pagamento delle imposte sul valore aggiunto (IVA).

Questa scelta potrebbe aiutare il Portogallo ad entrare nel novero dei paesi più interessanti per operazioni come ICO anche se su questo specifico tema manca un chiaro richiamo normativo in particolare per quanto riguarda la tipologia e la modalità di utilizzo dei token.

 

FacebookTwitterLinkedIn
White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi