Maia Wine porta nel metaverso il design e i valori del vino Made in Italy - Blockchain 4innovation
NFT

Maia Wine porta nel metaverso il design e i valori del vino Made in Italy

L'azienda veronese promuove worldwide gli spumanti italiani con una collezione di avatar unici e certificati ciascuno con un NFT che oltre alla possibilità di essere comprati/venduti offrono accesso a moltissimi benefit, fra i quali inviti esclusivi ad eventi per la community, partecipazioni ad experience internazionali, creazioni esclusive del brand, accesso a premi e Limited Edition [...]
  1. Home
  2. Mercati
  3. Agrifood
  4. Maia Wine porta nel metaverso il design e i valori del vino Made in Italy

Costruito sul marchio dell’azienda Maia Wine – pioniere del segmento Soft Luxury negli spumanti italiani – che vede raffigurata la ninfa greco-romana MAIA, prende vita un avatar che partendo da un’ispirazione classica si proietta nel Metaverso per offrire un’experience esclusiva e memorabile anche nel digitale.

Grazie alla collaborazione con l’agenzia di comunicazione UNited STudio, l’azienda veronese lancerà sul sito OpenSea una vera e propria collezione di pezzi unici e certificati ciascuno con un NFT, che oltre a garantire all’acquirente l’autenticità offrirà l’accesso “a moltissimi benefit, fra i quali inviti esclusivi ad eventi per la community, partecipazioni ad experience internazionali, creazioni esclusive del brand, accesso a premi e Limited Edition” spiega Isabel Tonelli, Brand Ambassador Maia Wine e Art Director Del Progetto NFT.

WHITEPAPER
I documenti aziendali che condividi durante le video riunioni online sono davvero al sicuro?
Amministrazione/Finanza/Controllo
CIO

Maia si inserisce da protagonista nel movimento delle opere d’arte certificate con NFT, un trend che ha dato vita alla la Crypto Art, con opere e oggetti digitali venduti all’asta anche a centinaia di migliaia o milioni di euro. “Sarà sempre più comune acquistare beni intangibili, che andranno a far parte della vita nel metaverso; dove design, fashion, eventi ed arte troveranno spazio, senza avere limiti fisici o d’immaginazione” conclude Tonelli.

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn