FacebookTwitterLinkedIn

La Blockchain nella filiera dell’Olio e del Vino: se ne parla a Cibus

Miti Della Mura

Si parla anche di Blockchain al Cibus di Parma.
In occasione del salone internazionale dell’alimentazione, giunto quest’anno alla diciottesima edizione,  in programma come tradizione a Parma dal 7 al 10 maggio e dedicato al settore agroalimentare e a tutte le tematiche di attualità nell’ambito del food e del retail, si parlerà infatti delle applicazioni della Blockchain nell’ambito della tracciabilità alimentare.

Così come a Vinitaly fu presentato il Progetto Filiera Vitivinicola 4.0, nato dalla collaborazione tra il Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali, Agea, l’agenzia per le erogazioni in agricoltura, il Sistema Informativo Nazionale per lo sviluppo dell’agricoltura (SIN) e Almaviva, anche in questa occasione si torna a riflette non tanto su tematiche tecnologiche, ma soprattutto sul loro impatto per migliorare operatività, qualità e standard nelle filiere agroalimentare.

Appuntamento il 9 maggio per la Blockchain nelle filiere dell’olio e dell’aceto

Il Mipaaf, Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali, dunque analogamente a quanto già accaduto nelle scorse settimane in occasione di Vinitaly a Verona, analizzerà le nuove frontiere della tracciabilità, con un focus specifico sulle filiere dell’Olio di Oliva e degli Aceti di Vino.
Lo farà con un evento, in programma per il prossimo 9 maggio alle ore 11 e che si svolgerà direttamente presso lo stand del Ministero, al Padiglione 3, Area E068.
L’incontro, dal titolo “Blockchain negli oli di oliva e aceti di vino: opportunità e garanzia del consumatore vedrà la partecipazione di  Luigi Polizzi, Dirigente Ufficio PQAI IV – Direzione generale per la promozione della qualità agroalimentare del ministero, Fulvio Conti, Responsabile delle pratiche agricole e ambientali di Almaviva, Leo Bertozzi, Direttore Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche – AICIG, Stefano Petrucci, Presidente del Consorzio Olio Dop Sabina, Federico de Simoni, Direttore del Consorzio tutela Aceto Balsamico di Modena.

FacebookTwitterLinkedIn
White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi