Cosa aspettarsi dalle nuove linee guida crittografiche FATF? - Blockchain 4innovation
FacebookTwitterLinkedIn

Cosa aspettarsi dalle nuove linee guida crittografiche FATF?

Andrea Bianconi

La FATF (Financial Action Task Force) o GAFI (Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale) ha recentemente pubblicato una nuova serie di linee guida applicabili al settore crittografico, principalmente per quanto riguarda i beni virtuali (VA o Virtual Assets) e i fornitori di servizi di beni virtuali (VASP o Virtual Assets Service Providers). Per comprendere la portata di queste guidelines è utile chiarire alcuni punti fondamentali che impattano direttamente sulle attività del mondo cripto

Cos’è la FATF, Financial Action Task Force

Raccomandazioni e linee guida per Virtual Assets e Virtual Assets Service Providers

Il GAFI ha operato rilasciando una serie di raccomandazioni e successive linee guida interpretative. L’ ultima serie di raccomandazioni è stata pubblicata nel 2012. Periodicamente quindi – ogniqualvolta si presentano nuovi sviluppi – è necessario reinterpretare le raccomandazioni basate sui nuovi sviluppi. Pertanto, vengono pubblicate regolarmente nuove linee guida interpretative. Nel febbraio del 2019 è stata emessa una Nota interpretativa, che è poi diventata definitiva nel giugno 2019, quando è stata rilasciata questa nuova serie di linee guida, che trattava di VA e VASP.

Background: beni virtuali e fornitori di servizi di asset virtuali

Questo nuovo insieme di linee guida è applicabile ai VA e ai VASP così come sono stati definiti nelle precedenti linee guida dell’ottobre 2018.

Solo per ricapitolare, un asset virtuale è una rappresentazione digitale del valore che può essere scambiato o trasferito digitalmente e può essere utilizzato per scopi di pagamento o di investimento. Le linee guida escludono le rappresentazioni digitali di valute legali come la moneta elettronica o gli stablecoin, nonché i token di sicurezza o altri strumenti finanziari già coperti altrove dalle raccomandazioni. Le criptovalute – come BTC, ETH o XMR – e vari tipi di token non di sicurezza stanno cadendo sotto le linee guida. Per quanto riguarda i token di utilità, sembra che il fattore decisivo che rende le linee guida applicabili o meno – in base al paragrafo 47 – è se un token è trasferibile, scambiabile, fungibile o meno. Anzi, il GAFI lo chiarisce non cerca di catturare i tipi di elementi a ciclo chiuso non trasferibili, non scambiabili e non fungibili … come miglia aeree, premi per carte di credito o premi o punti simili del programma fedeltà, che non possono essere venduti in un mercato secondario.

I fornitori di servizi di asset virtuali sono definiti come persone fisiche o giuridiche che svolgono una o più delle seguenti attività commerciali:

i) scambio tra VA e valute legali;

ii) scambio tra diversi VA;

iii) trasferimento di VA

iv) custodia e / o amministrazione di VA o strumenti che consentano il controllo su VA

v) partecipazione e fornitura di servizi finanziari relativi all’offerta e / o alla vendita di VA dell’emittente.

La definizione di cui sopra è abbastanza ampia da includere servizi di scambio e trasferimento, fornitori di servizi di pagamento, servizi di custodia come quelli che ospitano portafogli o custodia o controllo su VA, portafogli e / o chiavi private di un’altra persona, nonché fornitori di servizi finanziari per un ICO.

Ma non è tutto. Potrebbero essere inclusi i servizi di deposito a garanzia, come quelli che coinvolgono la tecnologia di contratto intelligente, quando l’entità che fornisce il servizio ha la custodia sui fondi; servizi di intermediazione che facilitano l’emissione e il commercio di VA; servizi di scambio di ordini, che riuniscono ordini per acquirenti e venditori, in genere consentendo agli utenti di trovare controparti, scoprire prezzi e negoziare, potenzialmente attraverso l’uso di un motore di corrispondenza per ordini di acquisto e vendita; e servizi di trading avanzati come il trading sul margine o il trading basato su algoritmi.

In che modo i VASP saranno influenzati dalle Linee guida

Le linee guida aggiornano e incidono in particolare sulle Raccomandazioni esistenti n. 10 e 16.

Sotto il n. 10, la soglia oltre la quale i VASP dovrebbero effettuare una diligenza dovuta ai clienti ai fini dell’AML / TF (Anti Money Laundering / Terrorist Financing) è ridotta a un trasferimento di soli € / US $ 1.000, invece del normale € ur / US $ 15.000 applicabile ai trasferimenti fiat.

Sotto nr. 16 il VASP del cedente deve identificare e raccogliere tutte le informazioni personali sul cedente e condividerle con il VASP del cessionario. Lo stesso dovrebbe fare il VASP del cessionario. Fondamentalmente devono essere identificate entrambe le parti di un trasferimento (proprio come succede con i bonifici bancari).

Commenti e praticità

Francamente, mi mancano le motivazioni alla base delle disposizioni di cui sopra, che sono per lo più inapplicabili e di scarsa utilità pratica e che non avranno un impatto negativo sulle attività di ML / TF, ma piuttosto aumenteranno i costi di conformità, e forse rallenteranno la crescita del settore criptato in quei paesi che li implementeranno.

Come ridurre di 15 volte la soglia per le transazioni occasionali in VA può essere efficace contro la ML quando – in base a fatti – il riciclaggio di criptovaluti rappresenta solo lo 0,081% del problema annuale del riciclaggio del denaro sporco da 2 a 4 trilioni di dollari USA?

Inoltre, come si identifica in pratica il beneficiario di un indirizzo BTC non custodito? (cioè un nuovo indirizzo di cui qualcuno detiene privatamente le chiavi e non un indirizzo presso uno scambio, un intermediario o un custode). Non c’è modo.

Inoltre, questa disposizione incoraggerà i trasferimenti peer-to-peer tramite portafogli non custodiali, il che rende molto più difficile – se non impossibile – tracciare e controllare le autorità. Ad esempio, potrei inviare fondi da una borsa a un portafoglio non custodito (dove controllo le chiavi private). Da quel portafoglio potevo quindi inviare le monete a uno scambio diverso, e nessuna delle due piattaforme avrebbe visto entrambi i lati della transazione .

Conclusioni

A meno che non si creda che il GAFI sia composto da persone grossolanamente incompetenti su argomenti relativi alla crittografia, l’unica conclusione da trarre è che le vere ragioni per l’implementazione di linee guida sia impraticabili che inapplicabili si trovano altrove.

È una prova per danneggiare il settore? E ‘forse un maldestro tentativo di rafforzare la presa dell’industria legacy finanziaria nel settore della crittografia, come hanno fatto con il Bit-License di New York ?

O forse è una mossa guidata dagli Stati Uniti per renderla più ingombrante per i paesi sanzionati – come la Cina, la Russia, la maggior parte del Medio Oriente, la metà del Centro e Sud America, la metà del continente africano e forse anche l’UE – per eludere le sanzioni usando la crittografia invece del biglietto verde?

Chiedo: Cui prodest ?

Il tempo lo dirà.

Per fortuna, blockchain veramente decentralizzati (come BTC) sono nati proprio per questo stesso motivo: essere resistenti alla censura, resilienti e privi di punti centrali di insuccesso.

Ora, il GAFI può inserire nella lista nera le istituzioni finanziarie nei paesi non conformi. Ma cosa otterrà praticamente “il blacklisting” di un VASP? Supponiamo che X Paese non applichi le linee guida. Supponiamo anche che la FATF inserisca in blacklist uno scambio criptato in X Paese. La lista nera può essere applicata solo alle transazioni fiat tra istituzioni finanziarie all’interno del sistema finanziario legacy che saranno oggetto di un controllo più approfondito. Influirà sugli investitori che desiderano trasferire fondi a loro favore.

Un indirizzo BTC non custodito e le sue chiavi pubbliche e private

Tuttavia, come mostrato negli esempi precedenti, non può influire sui trasferimenti crittografici peer-to-peer e non impedirà a qualsiasi individuo e azienda di trasferire – da qualsiasi indirizzo non di custodia – criptos a questi “blacklisted exchange” a prescindere dalle sanzioni / blacklist . E viceversa.

FacebookTwitterLinkedIn
White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi