La blockchain sbarca nella logistica: partnership Dhl-Accenture - Blockchain 4innovation
FacebookTwitterLinkedIn

La blockchain sbarca nella logistica: partnership Dhl-Accenture

Antonello Salerno

Blockchain non è soltanto sinonimo di sicurezza nel campo della finanza. La tecnologia alla base delle criptoalute, infatti, potrebbe trovare applicazioni interessanti in molti altri settori, come ad esempio la logistica, dove potrebbe consentire il massimo del controllo sul sistema di distribuzione. A dimostrarlo è una partnership avviata dal colosso del settore, Dhl, con Accenture, che contiene le prime conclusioni su un prototipo di lavoro che traccia i prodotti farmaceutici dal loro punto d’origine al consumatore, prevenendo contraffazioni ed errori.

Nei processi di distribuzione – si legge in una nota di Dhl – la blockchain permette di assegnare ai prodotti degli identificatori univoci consentendo di seguirli lungo tutto il percorso fino al consumatore finale. Gli stakeholders convalidano queste informazioni in tempo reale, scoprendo un’eventuale manomissione o cancellazione del dato.

“Gli esperimenti con la tecnologia blockchain sono noti per il loro sviluppo in ambito finanziario, ma la logistica è un settore dove questa nuova tecnologia può avere un impatto fondamentale – sottolinea Matthias Heutger, senior vice president Dhl Customer Solutions & Innovation – Grazie alla collaborazione di tutti gli attori coinvolti sarà possibile lo sviluppo tecnologico per l’implementazione di queste soluzioni, di grande importanza per un settore sensibile come la farmaceutica”.

A supporto di questa esigenza ci sono i dati Interpol, secondo cui un milione di persone muore ogni anno a causa di farmaci contraffatti. Secondo le stime più recenti più del 30% di prodotti farmaceutici venduti in mercati emergenti sono alterati. Così Dhl e Accenture hanno creato un prototipo di serializzazione con nodi in sei aree geografiche, per tracciare i prodotti farmaceutici durante il processo di distribuzione. Il registro che tiene traccia dei movimenti può essere condiviso con produttori e distributori, magazzini, farmacie e ospedali e in generale con chi è coinvolto nella filiera. Le simulazioni effettuate in laboratorio hanno dimostrato che la tecnologia blockchain può gestire più di sette miliardi di numeri seriali e 1.500 transazioni al secondo.

“Abbiamo lavorato a stretto contatto con Dhl per capire e documentare il forte impatto che la blockchain potrebbe avere sulle filiere in futuro – aggiunge Andreas Baier, responsabile del settore viaggi e trasporti di Accenture – Utilizzando un registro comune, indelebile e sicuro, l’industria farmaceutica può raggiungere elevati standard di sicurezza – dalla produzione al consumatore – a costi molto più bassi. Questa è una delle molte possibilità che può offrire la blockchain, al fine di rielaborare i processi aziendali riducendo costi e complessità”.

Giornalista dal 2000, dopo la laurea in Filologia italiana e il biennio 1998-2000 all’Ifg di Urbino. Ho iniziato a Italia Radio (gruppo Espresso-La Repubblica). Poi a ilNuovo.it, tra i primi quotidiani online nati in Italia, e a seguire da caposervizio in un’agenzia di stampa romana. Dopo 10 anni da ufficio stampa istituzionale sono tornato a scrivere, prima su CorCom, nel 2013, e poi anche per le altre testate del gruppo Digital360. Mi muovo su tutti i campi dell’economia digitale, con un occhio di riguardo per cybersecurity, copyright-pirateria online e industria 4.0.

FacebookTwitterLinkedIn

White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi