Le banche guardano alla Blockchain: al via i test Abi Lab - Blockchain 4innovation
FacebookTwitterLinkedIn

Le banche guardano alla Blockchain: al via i test Abi Lab

Antonello Salerno

Le prime applicazioni della blockchain a essere studiate sul campo dalle banche saranno la spunta interbancaria e gli smart contract, in un progetto di sperimentazione partito a dicembre con il coordinamento di Abi Lab, il laboratorio tecnologico promosso dall’associazione bancaria italiana, che coinvolge al momento 14 istituti di credito (Banca Mediolanum, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banca Sella, BnlGruppo BNP Paribas, Banca Popolare di Sondrio, Banco Bpm, CheBanca! Gruppo Mediobanca, Credito Emiliano, Crédit Agricole, Credito Valtellinese, Iccrea Banca, Intesa Sanpaolo, Nexi Banca, Ubi).

Obiettivo del progetto è “ conseguire i vantaggi derivanti dalla trasparenza e visibilità delle informazioni – spiega Abi in una nota – dalla maggiore velocità di esecuzione delle operazioni e dalla possibilità di effettuare verifiche e scambi direttamente sull’applicazione”.

Il progetto, spiega Abi, ha verificato in particolare come l’applicazione di tecnologie distributed ledger technology contribuisce a migliorare alcuni aspetti specifici dell’attuale operatività, che possono provocare discrepanze complesse da gestire per le banche. Tra queste, il tempo necessario a identificare transazioni non corrispondenti tra due banche; la mancanza di un processo standardizzato e di un protocollo di comunicazione unico; la limitata visibilità delle transazioni tra le parti.

Nella sperimentazione rientrano anche gli Smart Contract, componenti software che incorporano regole di esecuzione che disciplinano il trasferimento di valore.

La tecnologia selezionata da Abi Lab è la Distributed ledger technology “Corda”, sviluppata da R3, mentre allo sviluppo dell’applictivo ha pensato Ntt Data e a fornire l’infrastruttura di nodi è stata Sia.

 

Giornalista dal 2000, dopo la laurea in Filologia italiana e il biennio 1998-2000 all’Ifg di Urbino. Ho iniziato a Italia Radio (gruppo Espresso-La Repubblica). Poi a ilNuovo.it, tra i primi quotidiani online nati in Italia, e a seguire da caposervizio in un’agenzia di stampa romana. Dopo 10 anni da ufficio stampa istituzionale sono tornato a scrivere, prima su CorCom, nel 2013, e poi anche per le altre testate del gruppo Digital360. Mi muovo su tutti i campi dell’economia digitale, con un occhio di riguardo per cybersecurity, copyright-pirateria online e industria 4.0.

FacebookTwitterLinkedIn

White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi