Euro digitale: una nuova frontiera ricca di opportunità per la blockchain

La Banca centrale europea e altre otto banche centrali dell'area dell'euro hanno condotto una ricerca su una piattaforma tecnica per una CBDC. L'esperimento ha stabilito che una soluzione basata sulla catena di blocchi potrebbe scalare fino a un numero quasi illimitato di pagamenti e soddisfare i requisiti di privacy e conformità, il tutto con un'impronta di carbonio molto ridotta [...]
  1. Home
  2. Mercati
  3. Banche e Finanza
  4. Euro digitale: una nuova frontiera ricca di opportunità per la blockchain

L’euro digitale? Una nuova soluzione basata su blockchain potrebbe in teoria supportare un numero quasi illimitato di pagamenti elaborati contemporaneamente con un’offerta di denaro molto ampia e con un’impronta di carbonio inferiore rispetto al sistema di pagamento con carta. Inoltre, consentirebbe un buon equilibrio tra privacy e necessità di soddisfare i requisiti antiriciclaggio. Lo ha stabilito il progetto di ricerca svolto dalla Banca centrale europea e altre otto banche centrali dell’area dell’euro (Spagna, Germania, Italia, Grecia, Irlanda, Estonia, Lettonia e Paesi Bassi).
L’esperimento ha esaminato come una soluzione tecnica per un euro digitale costruita sulla tecnologia blockchain che funge da base per lo Stato elettronico estone potrebbe funzionare in termini di numero di pagamenti e titolari di denaro e relativi costi energetici, e come le identità digitali potrebbero essere collegate e la privacy garantita.

Verso l’introduzione di un euro digitale: preparativi in corso

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea non ha ancora preso una decisione sull’introduzione di un euro digitale, ma il 14 luglio ha deciso di procedere con i preparativi necessari per introdurne uno. Il Consiglio direttivo prenderà la decisione finale sull’introduzione o meno dell’euro digitale e su quale tecnologia dovrebbe basarsi in un secondo momento.

Se fosse introdotto, l’euro digitale non sostituirebbe il contante, bensì costituirebbe un’alternativa per tutte le persone e le aziende. Come per i contanti, la banca centrale ne garantirebbe il valore. L’introduzione dell’euro digitale favorirebbe la digitalizzazione dell’economia e potrebbe portare a denaro programmabile e ridurre il costo dei pagamenti. Inoltre, potrebbe essere utilizzato come mezzo di pagamento in tutti i Paesi dell’area dell’euro e sarebbe sicuro da usare quanto il denaro contante. Permetterebbe alle banche di costruire nuove soluzioni di pagamento che potrebbero essere utilizzate per gli acquisti nei negozi ordinari o online e per i pagamenti tra singole persone.

L’esperimento ha visto pagamenti effettuati in denaro digitale tra persone con identità digitali provenienti da Estonia, Lettonia, Lituania e Spagna. La conclusione è stata che esistono buone possibilità per la tecnologia blockchain e che i limiti tecnologici sono nella costruzione di un sistema di moneta digitale della banca centrale (sistema CBDC).

Le conclusioni: due anni di fase investigativa

Open-F@b Call4Ideas 2021
Un'assicurazione più accessibile a tutti? Candidati al contest, hai tempo fino al 26 settembre!
Finanza/Assicurazioni
Startup

L’esperimento ha superato alcuni dei precedenti colli di bottiglia nella tecnologia blockchain come basse prestazioni e costi energetici elevati. Ha dimostrato che l’innovativa tecnologia dell’euro digitale basata sulla blockchain è altamente scalabile, il che significa che il numero di pagamenti effettuati con l’euro digitale può essere facilmente aumentato se necessario. Questa tecnologia non pone limiti essenziali alle dimensioni dell’offerta di moneta. Il sistema è in grado di gestire l’intera offerta di euro in circolazione e non solo, e non ci sono limiti al numero di portamonete o al numero di versamenti effettuati contemporaneamente.

Il sistema dell’euro digitale costruito durante il test ha gestito oltre 300.000 pagamenti simultanei al secondo e il denaro ha raggiunto il beneficiario in meno di due secondi. L’impronta di carbonio stimata del nuovo sistema era inferiore a quella del sistema di pagamento con carta attualmente in uso. L’ID elettronico (eID) può essere collegato all’euro digitale in modo da garantire la sicurezza e consentire vari livelli di privacy. I vari soggetti coinvolti possono solo visualizzare le informazioni sul pagamento, ma è comunque possibile effettuare i necessari controlli antiriciclaggio.

L’esperimento fornisce un input alla Fase di Investigazione del Progetto sull’euro digitale, iniziata a metà luglio. Questa fase vedrà vari sondaggi tra gli utenti e porterà banche e altri fornitori di servizi di pagamento a esaminare più a fondo le opzioni per l’emissione di euro digitali. Questa fase dovrebbe anche stabilire quale infrastruttura tecnica potrebbe essere necessaria per un euro digitale in futuro e come l’euro digitale potrebbe supportare al meglio la costruzione di soluzioni di pagamento innovative nell’area dell’euro.  Si prevede che la Fase Investigativa durerà due anni.

FacebookTwitterLinkedIn