Gruppo Grigi estende il progetto con IBM Food Trust e nasce Umbria Food Cluster

Nasce con l'obiettivo di creare un mercato digitale con marchio UFC e per valorizzare le eccellenze agroalimentare del territorio umbro il progetto, che si annuncia aperto ad altri ingressi, comprende oggi le aziende Molitoria Umbra, Agribosco e I Potti de Fratini che potranno trarre vantaggio a loro volta delle potenzialità della blockchain [...]
  1. Home
  2. Mercati
  3. Agrifood
  4. Gruppo Grigi estende il progetto con IBM Food Trust e nasce Umbria Food Cluster

Nella seconda parte del 2019 avevamo annunciato e raccontato su questa testata la bella iniziativa di Gruppo Grigi che partendo da una lunga tradizione di oltre 50 anni di storia nel settore zootecnico aveva scelto di avviare un nuovo progetto nell’ambito agroalimentare con il progetto Food Italiae, una filiera del mondo alimentare di alta qualità in grado di fornire – grazie alla blockchain e alla piattaforma Ibm Food Trust – una certificazione completa per tutti gli attori della supply chain nella logica “From Field To Fork“. Un progetto che si è concentrato sulla valorizzazione di una serie di prodotti tra cui il marchio Aliveris, una pasta di fascia alta realizzata con grano biologico 100% italiano con Germe di Soia Bio e trafilatura al bronzo. (si legga il servizio Pasta certificata con la blockchain, Gruppo Grigi entra in Ibm Food Trust). Un progetto e una iniziativa nella quale si poteva intravvedere le premesse e le condizioni per dare costruire quello che è esattamente nelle “corde” della blockchain, vale a dire la creazione, la gestione e lo sviluppo di un ecosistema, o meglio ancora di un Food Chain Ecosystem.

Il progetto prevedeva infatti la validazione, basata su IBM Food Trust dell’intera catena di approvvigionamento e di distribuzione, dall’origine delle sementi di grano duro biologico da colture controllate, al monitoraggio degli agricoltori selezionati, dall’esame e certificazione delle caratteristiche dei luoghi di conservazione, sino alle verifiche delle attività di trasporto e di conservazione per arrivare sino al consumatore finale. Tra gli obiettivi dell’operazione c’era anche quello di mettere a disposizione dei grandi distributori internazionali, a loro volta presenti sulla piattaforma Food Trust, dati e informazioni per poter valutare e proporre una pasta biologica certificata e sicura da mettere a disposizione dei propri clienti. Una prospettiva molto importante che permette di indirizzare retailer del calibro di Carrefour o Walmart.

Nasce Umbria Food Cluster

Ora quella prima importante esperienza si allarga esattamente nella prospettiva di un ecosistema e prevede la creazione di un progetto con una forte valenza territoriale denominato Umbra Food Cluster. Gruppo Grigi è attiva come capofila del progetto e vede la convergenza di quattro aziende e insieme a Gruppo Grigi, vediamo Molitoria Umbra, Agribosco e I Potti de Fratini.

Il progetto fa leva sulla piattaforma IBM Food Trust e ha lo scopo di allargare anche alle altre imprese la possibilità di garantire la massima trasparenza sui prodotti ai consumatori finali e per aumentare il senso di fiducia e di responsabilità sul valore e sulla qualità del cibo unitamente a un valore di territorialità, particolarmente importante per quanto riguarda la regione Umbria. Il progetto anche in questo caso permette alle altre aziende presenti nel progetto di arrivare all’attenzione dei grandi retailer che utilizzano IBM Food Trust. Grazie a questa piattaforma le imprese aderenti possono inoltre disporre di fonti di dati e di procedure di verifica dei dati stessi per poter migliorare l’efficienza delle supply chain e per disporre di un monitoraggio preciso su tutte le attività: dal controllo delle temperature e dei passaggi legati alla conservazione al trasporto. Esattamente, come sottolineato, in una prospettiva di ecosistema.

WHITEPAPER
Trasformazione digitale: le tecnologie più rilevanti per supportare la crescita delle aziende
Digital Transformation

Umbra Food Cluster permette a tutte le aziende di disporre di nuovi strumenti per ridurre errori e sprechi e per attuare nuove forme di contrasto alle frodi alimentari particolarmente importanti anche per affrontare i rischi legati all’Italian Sounding il tutto mettendo a disposizione del mercato e dei consumatori informazioni sempre più precise e affidabili.

Umbria Food Trust è un progetto aperto all’ingresso e alla partecipazione di altre realtà imprenditoriali ed è stato realizzato grazie alla collaborazione con Sas Informatica, Business Partner IBM di Perugia, con l’Agenzia di Comunicazione Iktome ed è attivo sulla piattaforma IBM Food Trust ospitata su IBM Cloud.

Il servizio completo con gli interventi di IBM e dei rappresentanti di Umbria Food Trust è disponibile a questo servizio pubblicato dalla testata Agrifood.TechUmbria Food Cluster: la blockchain di IBM Food Trust al servizio dell’agroalimentare italiano

 

FacebookTwitterLinkedIn