Eidoo, cryptomonete alla portata di tutti: dall’ICO arrivano 29 mln $ - Blockchain 4innovation
FacebookTwitterLinkedIn

Eidoo, cryptomonete alla portata di tutti: dall’ICO arrivano 29 mln $

Antonello Salerno

L’obiettivo è di estendere alle masse l’utilizzo delle cryptovalute, e per riuscirci la startup svizzera Eidoo ha dato vita a un “wallet multi currency”, attraverso il quale poter spendere in BitCoin o in Ethereum con la massima semplicità di utilizzo e alle condizioni volta per volta più convenienti per l’utente.

La società è stata a ottobre protagonista di un’Initial coin offering di successo, che l’ha portata a raccogliere 27 milioni e 913mila dollari, dopo che 18 milioni di euro erano stati raccolti soltanto nella prima ora di contrattazione. Questo anche grazie al un bonus del 25% assegnato dall’azienda a coloro che avessero acquistato i token durante la finestra dell’Ico rinunciando a venderli per i sei mesi successivi.

La proposta di Eidoo conta su un’interfaccia “Blockchain-to-human” e su un insieme di prodotti disegnati e sviluppati per poter essere usati con semplicità, tutti racchiusi in un’app. A partire dal “borsellino elettronico”, ma passando anche da soluzioni per l’identità digitale, per gli scambi decentralizzati e un “Ico Engine” che consente agli utenti di essere informati e poter prendere parte alle Ico in corso tramite lo smartphone.

“Siamo molto soddisfatti della reazione che abbiamo riscontrato verso la nostra Ico – afferma Thomas Bertani, Ceo della startup – Il nostro prodotto, che è già disponibile per Ios e Android, è stato costruito per racchiudere il mondo delle cryptovalute in un unico ambiente, che può essere usato per controllare tutti i token, senza bisogno di configurazione elaborate e nel rispetto di tutti i più avanzati requisiti di sicurezza. Abbiamo un piano molto ambizioso per lo sviluppo del nostro prodotto – prosegue – che include l’introduzione di una carta di debito entro il 2018. L’aver raccolto 27,9 milioni di dollari ci consentirà di accelerare il processo di sviluppo  e ci sosterrà nel nostro obiettivo di rendere l’uso delle cryptomonete più semplice del mobile banking”.

Giornalista dal 2000, dopo la laurea in Filologia italiana e il biennio 1998-2000 all’Ifg di Urbino. Ho iniziato a Italia Radio (gruppo Espresso-La Repubblica). Poi a ilNuovo.it, tra i primi quotidiani online nati in Italia, e a seguire da caposervizio in un’agenzia di stampa romana. Dopo 10 anni da ufficio stampa istituzionale sono tornato a scrivere, prima su CorCom, nel 2013, e poi anche per le altre testate del gruppo Digital360. Mi muovo su tutti i campi dell’economia digitale, con un occhio di riguardo per cybersecurity, copyright-pirateria online e industria 4.0.

FacebookTwitterLinkedIn

White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi