Metaverso

Pinko debutta nel metaverso con la collezione NFT MetaLoveBag

Il brand italiano si lancia in una nuova avventura nel web3 con una capsule meta-fisica delle Love Bags. L'acquisto garantirà l'accesso anticipato ai futuri drop di non fungible token, il ruolo esclusivo di VIC (Very Important Customer) nella community PINKO e la partecipazione speciale a vendite o eventi privati [...]
  1. Home
  2. Arte
  3. Pinko debutta nel metaverso con la collezione NFT MetaLoveBag

Si chiama “Meta Love Bag” la prima collezione di NFT (Non Fungible Token) firmata PINKO. La label ha voluto dare risalto ai suoi brand value proiettandosi nel territorio del Web3 e del Metaverso, partendo da una interpretazione meta-fisica della sua borsa icona Love Bag, secondo una visione artistica e creativa che ne riprende la forma e sceglie come filo conduttore il simbolo delle due rondini, rileggendo in chiave irriverente la cultura pop legata all’identità del marchio.

PINKO metaverso
Meta Love Bag PINKO

Realizzata in partnership con Mirror, agenzia digitale all’avanguardia nella creazione di asset ed esperienze nell’ambito del Web 3, l’iniziativa ha fatto il suo esordio nel mese di giugno a Parigi, in occasione di Viva Technology 2022, kermesse annuale del mondo tecnologico, dove sono stati presentati i primi tre artwork del progetto, che in totale si declina in dieci espressioni artistiche uniche. Creazioni che si potranno acquistare per accaparrarsi un ruolo nell’ambito della digital community destinata a nascere intorno alla presenza del brand italiano del fashion nel Metaverso.

Un progetto all’insegna dell’omnicanalità: infatti dal 7 novembre, anche nei flagship store di Spring street a New York e Montenapoleone a Milano, è possibile percepire queste opere d’arte in 3D come se fossero reali, grazie a speciali monitor che offrono ai visitatori un’esperienza immersiva. Si può inoltre comprarle, utilizzando il proprio smartphone e seguendo un percorso guidato.

PINKO rivoluziona l’esperienza del brand puntando su Metaverso e Digital community

Con la mission di sviluppare capi ed accessori unici per ispirare le donne a giocare in modo audace, PINKO vuole portare la sua creatività nel panorama virtuale introducendo e immergendo i suoi sostenitori nella prossima generazione di esperienze di brand attraverso il Web 3 e il Metaverso.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity

“Si tratta della prima collezione acquistabile dalle nostre clienti, un assaggio del metaverso PINKO” dichiara l’AD e Fondatore Pietro Negra “A seguito di un periodo di grande clamore stiamo assistendo ad una situazione di mercato molto turbolenta per gli asset digitali e le criptovalute. Noi intravediamo un futuro dove gli NFT possono essere un vero e proprio elemento a simboleggiare il senso di appartenenza alla marca.”

“Acquistando una delle iconiche MetaLoveBags appartenenti a questa prima collezione, una selezione di clienti molto speciali avrà l’opportunità di essere tra le fondatrici della futura community PINKO e potrà co-creare con il brand future esperienze nel metaverso” conclude Negra. I vantaggi derivanti dall’acquisto includono l’accesso anticipato ai futuri drop NFT del brand, il ruolo esclusivo di VIC (Very Important Customer) nella community PINKO che sarà lanciata nel 2023 e la partecipazione speciale a vendite o eventi privati.

La scelta passata della blockchain di Luxochain per dare nuova vita ai tessuti

L’anno scorso a marzo, PINKO aveva lanciato Reimagine, una particolare collezione di abiti realizzati recuperando capi vecchi e utilizzando la Blockchain di Luxochain per la loro certificazione. Proprio per rendere unico ogni capo, invece degli NFT, all’epoca PINKO aveva utilizzato la blockchain per la certificazione che era visualizzabile dal cliente tramite smartphone, oltre che il chip NFC che era stato inserito nel cartellino. La collezione è stata realizzata dalla creative director di PINKO, Caterina Negra, e ha riutilizzato ben 4000 metri di tessuto destinati al macero, dedicando ad ogni capo almeno 6-12 ore di lavoro.

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn