IOTA (IOTA): cos'è e come funziona la critpovaluta per l'Internet of Things - Blockchain 4innovation
FacebookTwitterLinkedIn

IOTA (IOTA): cos’è e come funziona la critpovaluta per l’Internet of Things

Redazione

Il settore delle criptovalute, ovvero delle valute digitali che utilizzano la crittografia per la convalida delle transazioni e la generazione di moneta, è in continua espansione. Tra tutte, IOTA è una criptocurrency particolare che sta avendo un importante riscontro. In termini tecnici si parla di un altcoin ovvero di una valuta che si distingue nettamente dal bitcoin ed è un altcoin che sta riscontrando il parere favorevole di buona parte degli investitori del settore.
Alla base di IOTA c’è l’Internet of Things, ovvero l’internet delle cose.  Rispetto alle altre criptovalute, IOTA offre dei vantaggi non indifferenti: è scalabile, permette una notevole decentralizzazione, è modulare e non ha alcun vincolo connesso alle tassazioni. IOTA è disponibile su Bitfinex che rappresenta indubbiamente una delle principali piattaforme di scambio di criptovalute.

Lo scorso anno, come accaduto per tante le valute digitali, anche IOTA ha subìto un crollo in borsa proprio come il Bitcoin e l’Ethereum.

Il funzionamento di IOTA

IOTA (per maggiori informazioni vai al sito ufficiale) nasce essenzialmente per fare in modo che le transizioni possano avvenire senza essere soggette ad alcun tipo di commissione. Solo così l’Internet of Things può permettere nuovi sviluppi anche in termini transazionali. (vsi legga a questo riguardo i servizi Dall’In-App Purchase all’In-Things Purchase: l’App economy si estende alle cose e Come funziona e quali prospettive si aprono per il payment con l’In-Things Purchase )

Il funzionamento di questa criptovaluta è completamente diverso da quello che caratterizza, invece, le altre criptovalute. Alla base di tutto non vi è, infatti, il blockchain ma un apposito libro mastro, il Tangle, la cui scelta viene spiegata direttamente tra le righe del sito ufficiale di IOTA.

Si evidenzia, in particolare, come il blockchain, su cui si basa il successo del Bitcoin, sia in realtà soggetto a diversi svantaggi tra cui il principale è l’impossibilità concreta di poter gestire dei micropagamenti. Uno sbaglio non di poco conto dato che proprio su questo si basa buona parte dell’Internet of Things.

Tutti gli investitori che, poi, sono un po’ perplessi e frenati dinnanzi alle procedure di mining trovano in IOTA lo strumento ideale dal momento che questa criptovaluta non necessita dei miners per poter effettuare le più svariate operazioni dal momento che è perfettamente in grado di autoregolarsi. IOTA, dunque, apporta due grandi innovazioni nella sua tecnica di funzionamento.

Come funziona IOTA

Da un lato, infatti, è in grado di eseguire delle micro-transazioni senza operare alcuna commissione, cosa che attualmente non riesce ad alcuna altra moneta digitale. Dall’altro lato, la tecnologia attraverso cui opera, nota come Tangle, non necessita di miners ma si regola in maniera completamente automatica.

Il Tangle, ecco su cosa si basa IOTA

Il Tangle altro non è che un libro mastro che rende il funzionamento di IOTA completamente differente dalle altre criptovalute. Si tratta di una particolare tecnologia in grado di operare utilizzando un registro decentralizzato permettendo a IOTA di operare autonomamente senza l’intervento dei miners.

Tangle, dunque, è una particolare tipologia di protocollo software le cui caratteristiche ben si distinguono da quelle del blockchain. Le transazioni, infatti, avvengono parallelamente ed hanno peculiarità del tutto differenti.

Addio anche alle crittografia. Il Tangle viene oggi definito come semplice e complicato allo stesso tempo, contraddistinto comunque sempre da una sola regola di base secondo cui una transazione deve necessariamente convalidarne due precedenti.

Caratteristiche e vantaggi di IOTA

IOTA presenta dei vantaggi rispetto ad altre criptovalute. La promozione delle transazioni realizzate liberamente e senza commissioni è un sicuro vantaggio così come lo è la velocità che, secondo il Tangle, contraddistingue ogni singola operazione. Sono, infatti, sufficienti pochissime azioni e pochissimi minuti per completare del tutto ogni singola operazione.

Un altro punto sicuramente a vantaggio di IOTA e della sua efficienza è il fatto che la quantità di moneta che viene introdotta sul mercato ha sempre carattere fisso. Non è, quindi, soggetto a variabilità in base all’utilizzo che se ne fa in un determinato momento. In comune con le altre criptovalute, invece, c’è il fatto che si tratta pur sempre di una moneta legata a quelli che sono gli andamenti del mercato per cui soggetta ad oscillazioni sia in positivo che in negativo. Rischi che bisogna sempre tenere bene in considerazione.

Si è notato come la principale differenza tra IOTA e Bitcoin riguardi essenzialmente la modalità utilizzata per immettere la moneta e per farla funzionare. IOTA, infatti, viene utilizzata principalmente per l’Internet of Things cosa che non avviene con altre criptovalute. Si tratta di una moneta digitale con ampi margini di affidabilità e sicurezza che risulta molto semplice e veloce da utilizzare. Per farlo, infatti, è sufficiente avere a disposizione una piattaforma di trading che permetta la creazione di moneta.

FacebookTwitterLinkedIn
White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi