Smart energy, prosumer protagonisti grazie alla blockchain - Blockchain 4innovation
FacebookTwitterLinkedIn

Smart energy, prosumer protagonisti grazie alla blockchain

Antonello Salerno

La blockchain è la tecnologia che potrebbe abilitare definitivamente il ruolo dei prosumer – allo stesso tempo produttori e consumatori – nel campo dell’energia. Me se questa è “in teoria” una evoluzione naturale della distributed ledger technology, che si sta sempre più affrancando dal campo delle cryptovalute per trovare applicazione nei campi più disparati, gli addetti ai lavori dell’energia non sembrano ancora così convinti da questa prospettiva. Secondo una ricerca realizzata dal World Energy Week in collaborazione con Pwc, infatti, l’85% di chi opera in questo settore non è convinto che ci siano i presupposti per un impatto commerciale tangibile della Blockchain nel campo della smart energy, almeno nel breve periodo.  Lo studio, “Is blockchain driving an evolution or a revolution”, è uno delle basi di discussione su cui si sta articolando il dibattito alla World energy week, in corso a Milano fino all’11 ottobre, e ha preso in considerazione le risposte di un campione di 39 persone tra leader globali dell’energia, autorità di controllo e think tank del settore. 

Ma quali sono le barriere che impediscono la diffusione della blockchain nel settore della smart energy? Tra le risposte emergono lo scetticismo degli utenti, il fttoche non ci sia un quadro normativo unico e abilitante, e che non sia ancora emerso un modello di business indiscutibilmente percorribile. 

Quanto alla predisposizione degli utenti, la ricerca ne dipinge l’identikit di consumatori “pigri”, che preferiscono le buone vecchie abitudini alla scelta di diventare “attivi”, anche se si dovesse trattare di cambiare fornitore per ottenere un risparmio sulla bolletta, come è avvenuto in Gran Bretagna dove, dopo l’apertura del mercato, il 60% dei consumatori ha preferito rimanere con il proprio fornitore, nonostante questi significhi spesso dover pagare ogni anno 300 sterline in più.

Giornalista dal 2000, dopo la laurea in Filologia italiana e il biennio 1998-2000 all’Ifg di Urbino. Ho iniziato a Italia Radio (gruppo Espresso-La Repubblica). Poi a ilNuovo.it, tra i primi quotidiani online nati in Italia, e a seguire da caposervizio in un’agenzia di stampa romana. Dopo 10 anni da ufficio stampa istituzionale sono tornato a scrivere, prima su CorCom, nel 2013, e poi anche per le altre testate del gruppo Digital360. Mi muovo su tutti i campi dell’economia digitale, con un occhio di riguardo per cybersecurity, copyright-pirateria online e industria 4.0.

FacebookTwitterLinkedIn

White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi