Registro diffuso e controllo decentralizzato: sono “di moda”

La blockchain si sta dimostrando una tecnologia chiave per il settore del fashion. A cominciare dalla catena di fornitura e dalla protezione della proprietà intellettuale [...]
Jacopo Liguori

Partner di Withers Studio Legale

  1. Home
  2. Fashion
  3. Registro diffuso e controllo decentralizzato: sono “di moda”

La blockchain offre molte opportunità per garantire tracciabilità e trasparenza lungo l’intero processo di filiera. Implementando questa tecnologia nella catena di produzione e distribuzione di un’azienda, è possibile identificare i vari partecipanti al processo e mappare il passaggio del prodotto da un partecipante all’altro. Un’interessante applicazione è senza dubbio quella nel mondo della moda.

Tracciabilità e trasparenza della filiera

Dal punto di vista della produzione, la tecnologia blockchain è utile per consentire ai fornitori di archiviare e condividere tutti i tipi di informazioni di base sulle materie prime (incluso il luogo in cui sono state prodotte e immagazzinate, nonché le informazioni sulle quantità spedite o sul numero di pezzi prodotti), creando così un record inalterabile dell’intera filiera. Il vantaggio principale di questo sistema decentralizzato, al contrario di un database interno centralizzato, è che tutti i partecipanti possono accedervi e aggiungervi facilmente informazioni nuove e auto-convalidate. Ciò può essere particolarmente utile dato che l’ultimo decennio ha visto un sostanziale trasferimento di stabilimenti produttivi all’estero alla ricerca di costi inferiori per molti rivenditori di fast-fashion (e altri), con la conseguenza che le catene di fornitura sono diventate più complesse e opache. Inoltre, la tracciabilità di un prodotto è in grado di accrescere la reputazione del marchio e il suo valore sul mercato (con particolare attenzione alla sostenibilità) in quanto i consumatori possono verificare la storia del prodotto prima di acquistarlo.

Per quanto riguarda la sostenibilità, la tracciabilità e la trasparenza dei processi di produzione e distribuzione è particolarmente importante per tutte le aziende che vogliono rispettare le regole ambientali e sociali, oltre a valorizzare le proprie credenziali di sostenibilità, vista la crescente domanda da parte dei consumatori di prodotti più sostenibili. ed eticamente prodotti. Una chiara registrazione della storia del prodotto aiuta i consumatori ad avere fiducia nella scelta delle materie prime e nella loro lavorazione con il minimo impatto ambientale, nel rispetto di determinati criteri o standard fissati relativi ai consumi energetici nonché alle condizioni della forza lavoro impiegata.

Uno dei vantaggi più dibattuti e pratici della blockchain, tuttavia, è aiutare i proprietari di marchi a rintracciare le merci mancanti o le scorte in eccesso, evitando così il problema comune delle scorte in eccesso che vengono rivendute tramite un canale di distribuzione leggermente diverso, potenziali violazioni degli accordi di distribuzione esclusiva o creazione di prodotti contraffatti.

blockchain moda

Applicazioni anticontraffazione della blockchain nella moda

Senza dubbio, la protezione della proprietà intellettuale è una delle aree chiave per l’applicazione della tecnologia blockchain nel settore della moda.

La combinazione di tecnologia blockchain e codici QR (Quick Response) o chip RFID (Radio-frequency Identification) o chip NFC (near-field communication) potrebbe rappresentare uno strumento rivoluzionario contro la contraffazione. L’utilizzo della tecnologia blockchain in combinazione con questi tag fisici consente di tracciare l’intero viaggio di ogni articolo di moda dal fornitore al consumatore. Poiché i prodotti o le repliche contraffatti non hanno una catena di record autentica, possono essere facilmente sradicati.

Semplicemente scansionando il codice QR o il chip NFC del prodotto, i consumatori possono verificare l’autenticità del prodotto e il percorso che lo ha portato dall’elaborazione allo scaffale. Blockchain ha quindi il potenziale per aggiungere un “ulteriore livello” di autenticità ai prodotti, creando fiducia e una profonda connessione con i consumatori.

Mentre tecnologie come i codici QR e gli ologrammi sono ben noti all’industria della moda da anni e possono esistere indipendentemente dalla blockchain, la natura decentralizzata del registro blockchain evita qualsiasi tipo di manipolazione dei dati, inclusa la duplicazione di codici di identificazione autentici da applicare a prodotti contraffatti.

Un tale sistema ridurrebbe anche le contraffazioni e le frodi anche quando i prodotti sono venduti come beni di seconda mano o tramite punti vendita o rivendite, oltre a contribuire a ridurre le merci contraffatte vendute su piattaforme online, poiché la loro autenticità può essere facilmente verificabile dai consumatori, dal marchio proprietari e rivenditori.

Prova dell’uso del marchio e dei diritti di proprietà intellettuale non registrati

WHITEPAPER
Energy e Blockchain: quali opportunità?
Blockchain
Sviluppo Sostenibile

Un problema rilevante che spesso i proprietari di marchi devono affrontare è quello di poter dimostrare l’uso costante e continuo del loro marchio in un determinato territorio o mercato. Se tutte le transazioni relative a un prodotto recante un particolare marchio sono archiviate in un registro blockchain, allora dovrebbe essere più facile dimostrare l’uso di quel particolare marchio in determinati territori – potrebbe essere usato per mostrare come e quando un prodotto è entrato nel mercato nonché il modo in cui è stata utilizzata la pubblicità.

Allo stesso modo, la blockchain potrebbe essere un punto di svolta nel contesto del copyright e dei diritti di proprietà intellettuale non registrati, che sono fondamentali per l’industria della moda. Potrebbe potenzialmente aiutare a creare un database di diritti di proprietà intellettuale non registrati come diritti di design non registrati e copyright fornendo facilmente prove della creazione, del primo utilizzo, della proprietà, dell’esistenza ecc.

Quali sono gli ostacoli a una più ampia adozione della blockchain

Nonostante i vantaggi sopra descritti, la blockchain potrebbe portare anche alcune difficoltà che potrebbero renderla meno appetibile per alcune aziende del settore moda.

L’adattamento o lo sviluppo di un sistema aziendale basato su blockchain richiede investimenti significativi e sforzi di coordinamento, nonché modifiche al modello di business esistente e alla cultura aziendale. I principali ostacoli sono legati alla complessità della struttura blockchain, nonché alle difficoltà di adattarla alle procedure aziendali esistenti e ai sistemi informativi interni che non sempre possono essere facilmente integrati con nuovi protocolli e processi.

Per quanto riguarda i costi, la resistenza allo sviluppo di questa particolare tecnologia non è sempre dovuta all’ammontare dell’investimento stesso, ma piuttosto al fatto che in molti casi è difficile fare una stima reale dei costi di implementazione e la manutenzione che le aziende dovranno sopportare. Pertanto, la blockchain è una tecnologia che potrebbe non essere adatta a tutte le situazioni aziendali e in particolare a molti marchi più piccoli. Inoltre, non sono attualmente in vigore standard o certificazioni per supervisionare lo sviluppo di soluzioni blockchain o garantirne la sicurezza.

Nonostante queste sfide che attualmente ostacolano l’adozione diffusa della blockchain, questa tecnologia sembra promettente. Garantendo la trasparenza all’interno della catena di fornitura, la blockchain potrebbe essere la chiave per i marchi per ridurre il loro impatto ambientale, migliorare la qualità complessiva dei loro prodotti e salvaguardare la loro proprietà intellettuale.

Esempi di applicazione della blockchain nella moda

L’industria della moda ha già iniziato a testare le applicazioni della blockchain. Tra i pochi esempi degni di nota, nel 2017 la designer britannica Martine Jarlgaard ha testato “etichette intelligenti” su una delle sue linee, che i suoi clienti potevano scansionare per avere accesso a un registro con timestamp di ogni fase della produzione. A maggio 2019, invece, LVMH ha lanciato una piattaforma basata su blockchain chiamata Aura, volta a garantire l’autenticità e la tracciabilità dei prodotti di lusso offrendo il monitoraggio del ciclo di vita e la prova dell’origine di un prodotto, a partire dalle materie prime e fino all’usato.

Sebbene la pandemia abbia avuto un effetto sulle scelte di investimento dei marchi di moda e di lusso – probabilmente rallentando gli investimenti in soluzioni blockchain di nuova concezione per tutto il 2020 – è possibile che l’imminente ripresa economica, spinta dalla digitalizzazione secolare e dalle tendenze della sostenibilità, rappresenterà un catalizzatore significativo per un’ulteriore ondata di investimenti nello spazio blockchain, non solo a vantaggio dei consumatori, ma anche come mezzo per identificare e affrontare prontamente le inefficienze in una catena di approvvigionamento in alcuni casi ancora troppo opaca per gli standard richiesti dal mercato.

 

FacebookTwitterLinkedIn