Cosa sono e come operano i TSP Trust Service Provider - Blockchain 4innovation
Top News
20 gennaio 2018
FacebookTwitterLinkedIn

Cosa sono e come operano i TSP Trust Service Provider

Mauro Bellini  @mbellini3  Linkedin

Una rete di imprese specializzate nell’offerta di servizi basati sulla Fiducia ecco cosa sono e cosa fanno i TSP, Trust Service Provider. In particolare i TSP sono realtà che hanno il compito di garantire prima di tutto la certezza e l’integrità di identificazione per la firma elettronica, per l’autenticazione e per la gestione dei certificati digitali. I TSP svolgono un ruolo fondamentale nel processo di firma elettronica qualificata. E la stessa eIDAS richiede che l’Unione Europea realizzi uno speciale elenco fiduciario per tutti i fornitori di servizi TSP “qualificati”. Tanto che un TSP non è autorizzato a fornire servizi di fiducia qualificati se non è inserito nell’elenco dei TSP dell’Unione Europea.

Il servizio offerto dai TSP si configura come Trust Service ovvero come un servizio elettronico basato su tre livelli.

  1. La creazione, verifica o convalida di firme elettroniche, marche temporali, servizi di consegna registrati elettronicamente e certificazioni richieste con questi servizi.
  2. La creazione, verifica e convalida dei certificati utilizzati per l’autenticazione di siti web.
  3. La conservazione di queste firme elettroniche, delle marche o dei relativi certificati con specifici livelli di sicurezza

Per assumere il ruolo di TSP al livello di “servizio di fiducia qualificato“, il servizio offerto dal Trust Service Provider deve essere allineato ai requisiti stabiliti dal regolamento eIDAS e i TSP che entrano a far parte dell’elenco dei TSP dell’UE devono attenersi alle guideline eIDAS. Un altro vincolo importante per i TSP è rappresentato dagli obblighi formativi, la UE impone infatti ai TSP di effettuare una formazione specifica per tutto il personale e disporre di strumenti quali software e hardware allineati agli standard di mercato e in grado di prevenire rischi di violazione o falsificazione dei certificati conservati.

eIDAS prevede infine la attivazione per gli Stati membri UE di appositi Points of Single Contact, PSC o “sportelli unici” dedicati ai Trusted Services, in modo tale da poter utilizzare in modo sicuro i sistemi di identificazione elettronici per le transazioni transfrontaliere del settore pubblico, come ad esempio lo scambio e l’accesso ad informazioni sanitarie.

 

Immagine fornita da Shutterstock

Direttore responsabile delle testate "verticali" di Digital360: Blockchain4Innovation, PagamentiDigitali, Internet4Things, BigData4Innovation e Agrifood.Tech si occupa di innovazione digitale applicata alla realtà delle imprese, delle pubbliche amministrazioni e del sociale
FacebookTwitterLinkedIn

White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi