Blockchain Business Revolution: è il momento di uscire dai Proof of Concept - Blockchain 4innovation
Top News
15 dicembre 2017
FacebookTwitterLinkedIn

Blockchain Business Revolution: è il momento di uscire dai Proof of Concept

Comprendere la Blockchain e scoprirne gli ambiti d’uso e applicativi: è questo l’obiettivo con il quale Blockchain4Innovation ed EconomyUp hanno dato vita all’evento Blockchain Business Revolution che si è svolto il 21 settembre a Milano.

Sala gremita – e tale è rimasta fino al termine dei lavori – a dimostrazione di quanto forte sia l’interesse nei confronti di un tema che, come sottolineato all’inizio dei lavori da Valeria Portale, Direttore dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano, è oggi sicuramente un hype.

È proprio Valeria Portale che propone i primi spunti di riflessione: “Tra il 2016 e il 2017 sono stati annunciati 185 servizi blockchain”, racconta. Specificando subito dopo che di questi la maggior parte sono comunque fermi a livello di POC, Proof of Concept.
La Blockchain è comunque la tecnologia alla base dell’Internet of Transaction, dell’Internet delle transazioni: per questo si può pensare alla Blockchain anche in modo disgiunto rispetto alle criptovalute.
La Blockchain trova il proprio terreno d’elezione in tutte quelle situazioni nelle quali è necessario condividere informazioni ma in piena trasparenza e sicurezza, nelle quali gli attori sono non semplicemente numerosi ma anche eterogenei e fra loro non esiste necessariamente un rapporto fiduciario.

La Blockchain non è un tema tecnologico ma di processo, secondo IBM

Su questa scia si è poi inserito Fabio Malosio, Business Development Blockchain Solution Leader, IBM Italia, per il quale il tema va affrontato pragmaticamente: “In primo luogo – ha esordito – la Blockchain è cosa da ecosistema e di filiera. Lanciare da soli un progetto ha poco senso”. In secondo luogo, la Blockchain non è un tema tecnologico, “bensì di revisione di processi”.
C’è poi un terzo tema, e su questo nel corso dei lavori sono tornati anche altri relatori, tra i quali Luca Sannino di Inbitcoin: “Per usare la blockchain bisogna partire da un problema, non dalla blockchain”.
E un caso che Malosio citi proprio casi di applicazione pratica: la blockchain per la food safety, con la collaborazione annunciata con Walmart pochi giorni fa, e il progetto con Maersk per la tracciabilità delle merci lungo tutto il ciclo di vita di una spedizione.
Giuseppe Cardinale Ciccotti, Uniquid IoT Blockchain Access Management, a sua volta ne descrive gli ambiti di utilizzo in ambito IoT e Industria 4.0 (scarica il nostro Research Report su Industria 4.0 nelle aziende italiane a questo indirizzo) , soprattutto per quanto riguarda le attività di sicurezza, installazione e manutenzione.
Giuliano Pierucci, Ceo di B2Lab, a sua volta parla di blockchain e smart contract nella gestione dei rifugiati nei centri di accoglienza.
“La Blockchain – riassume – porta con sé valori quali la disintermediazione, la decentralizzazione, l’immutabilità, la rintracciabilità, la crittografia, il timestamping, il computing decentralizzato”, ma, come a sua volta sottolinea Stefano Capaccioli, presidente di Assob.it, sta ancora attraversando una fase molto importante di definizione di regole e normative.
Ma il termine blockchain porta con sé tante implicazioni, a partire dalla necessità di garantire l’esistenza di un documento o l’identità di un oggetto o di una persona.

È Valerio Vaccaro, IoT Expert di Eternity Wall, che apre al tema della notarizzazione e del time stamping. “Processo complesso – lo descrive – che tuttavia trova applicazione là dove serve provare integrità del dato, autenticità dei documenti, sicurezza delle chiavi private, integrità dei record”.

 

Non si parla di Blockchain senza comprendere i Bitcoin

Roberto Garavaglia, Coordinatore editoriale di Pagamentidigitali.it, porta la discussione verso il mondo dei pagamenti, (del resto se si parla di blockchain il tema dei bitcoin è imprescindibile) sottolineando come due siano le condizioni necessarie per poter parlare di crittovalute: la volontarietà e la fiducia.
Il percorso sembra comunque tracciato: “Stiamo andando verso una transizione che porterà alle cryptocurrencies emesse dalle banche centrali”, dichiara. E del resto l’India sembra già pronta al grande passo.

Il cambiamento è davvero radicale e Gabriele Domenichini, Head of Technology &Venture, BlockchainLAB: “Il bitcoin crea un valore e lo mette in mano agli utenti”, dichiara, sottolineando come rispetto al mondo bancario tradizionale, qui si parli di una serie di attori coinvolti, e non già di un attore unico.
Tutto questo, va da sé, a condizione che si sia in grado di garantire l’identità di tutte la parti in gioco: “Un giorno potremo avere una digital identity su blockchain” preconizza Garavaglia. Ed è su questo tema che lavora Spidchain, come spiega Federico Squartini, CTO della società.

Ma ancora siamo in cerca di casi reali, ed è Sannino di Inbitcoin che li racconta: In Trentino è nata una Bitcoin Valley dove si può vivere pagando in bitcoin. Anche la mensa scolastica. Anche la birra.
Questione di regione a statuto autonomo? Forse.
Ma soprattutto entra in gioco la capacità di non demonizzare un fenomeno e di saperne già cogliere le opportunità.

 Qui trovate lo storify di Blockchain Business Revolution 

 

FacebookTwitterLinkedIn

White Paper scelti per voi

FacebookTwitterLinkedIn

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi